Dove siamo e Come arrivare

 
 Comune di Siracusa  


SIRACUSA, “PATRIMONIO UNESCO”

Fondata nel 734 a.C. dai greci di Corinto, dopo aver sconfitto i Cartaginesi (480 a.C.) e gli Ateniesi (413 a.C.), Siracusa divenne sotto il regno di Dionigi il Vecchio la più ricca, potente e popolosa città greca d’Occidente e fondò a sua volta molte colonie sul Mediterraneo Occidentale, che controllò a lungo. Patria di Teocrito, di Lisia, di Epicarmo e soprattutto del grande scienziato Archimede, a Siracusa vissero anche Platone, Eschilo, Pindaro e i maggiori intellettual dell’epoca. Conquistata dai Romani nel 212 a.C., rimase la capitale politica ed economica della Sicilia per altri mille anni, e nel VII secolo d.C. l’imperatore Costante II vi trasferì anche la Capitale dell’Impero Bizantino. Poi nell’878 d.C. fu conquistata dagli Arabi e perse il ruolo di capitale della Sicilia a favore di Palermo. Liberata dai Normanni nel 1085 passò poi ai Pisani, ai Genovesi, agli Svevi, agli Angioini, agli Aragonesi, ai Catalani di Barcellona, ai Borboni di Napoli ed infine al Regno d’Italia (1861). Patria dello scrittore Elio Vittorini, Ortigia, cuore di Siracusa è stata proclamata dall’UNESCO “Patrimonio dell’Umanità”.
 

Siracusa è divisa in due aree principali: l’isola di Ortigia, il suo più antico centro storico con la straordinaria stratificazione dei suoi stili e delle sue civiltà, ed il Parco Archeologico col Teatro Greco che ogni anno a maggio ospita le tragedie classiche di Eschilo, Sofocle ed Euripide (alle quali si potrà assistere al termine del congresso).